Registrati
Registrati alla newsletter

Ricevi le news di Innovable Italia in tempo reale!

Moda, l’innovazione passa dalla sostenibilità: intervista a Eticlò

eticlò

Si parla ormai da molti anni della salvaguardia del pianeta, ma oggi più che mai è doveroso applicare questi concetti anche al mondo della moda, rendendolo un settore sempre più sostenibile.

Fortunatamente ci sono realtà che già lo fanno, lavorando sul territorio, rispettando i lavoratori e creando prodotti durevoli: una moltitudine di brand e grandi marchi che finanziano e sviluppano progetti in-house al fine di implementare la loro linea sostenibile e green.

Uno di questi è Eticlò, brand Made in Italy innovativo e all’avanguardia di cui abbiamo avuto il piacere di intervistare la fondatrice e Brand Director Desirèe Madonna.

Da dove nasce l’idea di fondare Eticlò?

Eticlò nasce dall’analisi di un dato che non può lasciare indifferenti: l’industria tessile è la seconda più inquinante al mondo. La pesantezza dell’impatto dell’industria tessile non è più un segreto. Anzi: solo negli ultimi anni i dati evidenziano come ad oggi si produca troppo, senza qualità e a condizioni che generano eccessivo inquinamento e sfruttamento.

Eticlò nasce dalla volontà di sviluppare un’alternativa sana e responsabile nel settore tessile: è l’incontro di più persone, provenienti da settori diversi quali la distribuzione alimentare biologica e la mia esperienza internazionale nel settore retail.

La nostra è una storia di consapevolezza e responsabilità, caratterizzata da una mission di sensibilizzazione e ricerca.

Uno degli aspetti più innovativi del tuo brand è sicuramente l’unione fra etica ed estetica: sei d’accordo con questa definzione?

Eticlò propone uno stile senza tempo. Crede nell’importanza di realizzare abiti raffinati ed essenziali, che affranchino alle tendenze più classiche della moda una scelta responsabile e sostenibile nei confronti dell’ambiente e della società.

Lo stile pulito e raffinato concretizza una delle linee guida più importanti: la durevolezza delle collezioni. Per questo evita di rinnovare compulsivamente la proposta rendendo obsoleto oggi quanto proposto ieri.

Parliamo di impresa: come vedi il mercato oggi e dove si va ad inserire Eticlò al suo interno?

Eticlò nasce come un progetto di moda etica e responsabile e io stessa dopo un periodo di vita negli Stati Uniti ho capito la necessità di dover migliorare approccio in alcuni ambiti della mia quotidianità.

Ho quindi deciso di investire in un settore ancora giovane e incerto senza rinunciare alla mia predisposizione ed esperienza nel settore. Volevo portare avanti la mia passione verso il bello senza rinunciare ad un prodotto di qualità.

Il mercato italiano negli ultimi 3 anni sta cambiando, il consumatore è più attento e curioso, incomincia a capire con consapevolezza l’importanza delle tematiche ambientali e sociali.

Quali sono i prossimi progetti del tuo brand?

Eticlò vuole essere una proposta di lifestyle sostenibile, promuovendo una stile di vita responsabile in diversi ambiti del settore tessile: dall’abbigliamento agli accessori per la casa e   per il tempo libero.


Ad oggi molti sono i progetti che abbiamo in essere: dalla linea baby in puro cotone biologico, per le pelli delicate dei più piccoli, alla linea home che stiamo sviluppando di articoli per la casa in collaborazione con NaturaSì, partner commerciale e di pensiero di Eticlò fino ad arrivare ai nostri articoli eleganti ed evergreen per il pubblico femminile.

Total
2
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts