Registrati
Registrati alla newsletter

Ricevi le news di Innovable Italia in tempo reale!

Le alternative a Facebook per accrescere il valore del proprio brand

Quando parliamo di social media marketing, parliamo quasi sempre delle principali piattaforme social come Facebook, Instagram, TikTok, Twitter, ecc. Queste sono le piattaforme verso cui migrano i marketer quando cercano di promuovere il loro brand.

Ma esistono app meno popolari dov’è possibile trovare diverse community di nicchia, come ad esempio Pinterest, Reddit, Twitch e Quora, a cui i brand possono puntare per coinvolgere il proprio target.

Pinterest
Pinterest è un sito social in cui puoi raccogliere e condividere immagini di tutto ciò che trovi interessante. Puoi anche scoprire visivamente nuovi interessi sfogliando le raccolte di altri utenti Pinterest. 

Sebbene la piattaforma fosse originariamente nota per essere il sito di riferimento per trovare ricette e idee per la decorazione della casa, c’è molto di più.

In effetti, Pinterest si è fatto un nome come motore di ricerca visiva, ospitando tonnellate di foto, grafiche, collegamenti e ispirazione per quasi tutto ciò che potresti voler trovare. Infatti, il 55% degli utenti si trova specificamente sulla piattaforma per trovare foto di nuovi prodotti e la piattaforma è estremamente potente quando si tratta di indirizzare il traffico verso il proprio sito web.
Pinterest è il secondo motore di referral al mondo.

Inoltre, i suoi utenti sono maturi perché i rivenditori online possano attrarre clienti paganti, l’87% degli utenti Pinterest ha acquistato qualcosa online grazie a un pin. Fonte Pinterest

Caso: IKEA
L’azienda svedese IKEA sa che il rientro al college per gli studenti universitari americani è un periodo particolarmente importante perché si organizzano per trasferirsi in case degli studenti o in piccoli appartamenti, pronti ad affrontare un nuovo anno accademico, e a dare un tocco di personale al loro alloggio con un budget non troppo elevato.

IKEA sapeva che Pinterest è uno dei più grandi motori di referral per raggiungere questo target di giovani. Negli Stati Uniti, un millennial su due è su Pinterest e il 72% degli utenti della piattaforma è alla ricerca di idee per la vita di tutti i giorni. Inoltre, la categoria casa continua ad aumentare la propria popolarità: nel 2017 ha registrato una crescita del 75% rispetto all’anno precedente.

L’obiettivo di IKEA era quello di aumentare il numero di visite sul suo sito web, incrementando l’awareness dei prodotti che possono servire agli studenti. La soluzione è stata combinare la ricerca con idee interessanti.

IKEA negli annunci pubblicati ha voluto mettere in luce la combinazione dei suoi prodotti attraverso immagini di lifestyle. Ad esempio, un annuncio mostrava la foto di un carrello a più ripiani, perfetto per riporre snack e gli utensili per preparare un tè o un caffè, accompagnata dalla scritta “il lato più dolce del college”.

IKEA è stato il primo brand a lanciare una campagna di ricerca su Pinterest usando la piattaforma fai da te.

Nel corso della campagna su Pinterest, IKEA ha registrato un aumento dell’efficienza del traffico, oltre a un miglioramento delle metriche. In particolare, il tasso di clic è aumentato del 72% rispetto allo stesso periodo del 2016 e il costo per clic è diminuito del 37% rispetto al valore medio dell’anno precedente.
La maggior parte delle ricerche effettuate dagli utenti che davano come risultati gli annunci di IKEA conteneva la parola “idea”.

Reddit
Oltre alle principali piattaforme di social media, la piattaforma più utilizzata è Reddit (non è affatto piccola), con 430 milioni di utenti attivi. Reddit rispetto agli altri social ha un vantaggio unico: comunità consolidate altamente coinvolte. Ci sono 430 milioni di utenti con oltre 130.000 comunità basate sugli interessi. Le persone vanno su Reddit per esplorare e partecipare a conversazioni su argomenti che gli interessano. All’interno delle community, i brand possono avviare e partecipare a conversazioni organicamente.

Sulla pagina about di Reddit, compare il suo claim: “Immergiti in qualsiasi cosa. Reddit ospita migliaia di comunità, conversazioni infinite e autentiche connessioni umane. Che tu sia interessato alle ultime notizie, allo sport, alle teorie dei fan della TV o a un flusso infinito degli animali più carini di Internet, c’è una community su Reddit per te”.

Caso: Sprite
Giusto un anno fa il marchio Sprite ha lanciato una campagna su Reddit per aiutare i giovani della GenZ nel mercato latino-americano a far fronte alla loro solitudine. Lo sforzo si basava in gran parte su una serie di forum sul social, in cui i giovani che si sentono soli per una serie di ragioni, come ad esempio sono ancora vergini, hanno il petto piatto, si sentono come nel corpo sbagliato, possono esprimere i loro sentimenti. Ogni forum era guidato da un influencer che seguivano i rispettivi argomenti.

Per determinare gli argomenti del forum, Sprite ha collaborato con Google per individuare argomenti che i giovani cercavano frequentemente. Secondo Santo CCO e il partner Maxi Itzkoff, la campagna mirava a far evolvere il sentiment proposto nella campagna “I Love You Hater” in uno strumento reale e continuo per aiutare i giovani ad affrontare i loro problemi interagendo con gli altri in modo anonimo, aperto Forum.

Twitch
Altro social in forte crescita è Twitch, nato nel 2011 ma acquistato nel 2014 da Amazon per 970 milioni, è la piattaforma di eSports più popolare ad oggi. La maggior parte delle community su Twitch si unisce per l’interesse verso i videogame, l’intrattenimento, la musica, lo sport, moda e beauty.

Ovviamente il pubblico principale di destinazione sono i gamer e grazie ad essi i brand possono puntare su un target molto ampio. Twitch si definisce “l’ultima piattaforma basata sull’influencer marketing”.

Caso: Em Cosmetics
Un esempio su come questa piattaforma sia stata utilizzata non esclusivamente per il mondo del gaming ma per quello beauty, ce lo porta Michelle Phan, influencer di bellezza e fondatrice di Em Cosmetics.

L’influencer, ha deciso di unire i mondi del gioco e della bellezza ospitando una live per giocare a “League of Legends” con i suoi fan e promuovendo allo stesso tempo il lancio del nuovo fondotinta Daydream Cushion di Em Cosmetics. Durante il live streaming, ha programmato un bot per aggiungere i link all’acquisto nella chat, mentre durante le pause del gioco veniva riprodotto uno spot per il fondotinta.

L’evento ha avuto successo nell’incrementare le vendite: Daydream Cushion ha venduto il 278% di unità in più, rispetto ai lanci precedenti. Il 17% delle entrate di Em Cosmetics e il 45% del traffico del suo sito per la giornata è stato generato durante il live streaming di circa tre ore e mezza.

Caso: Burbery / AOC

Burberry nel mese di settembre è stato il primo brand di moda a trasmettere in live streaming sulla piattaforma di gaming la sfilata per presentare la collezione primavera 2021, mentre qualche settimana prima delle elezioni del presidente degli USA durante una sessione di gioco ad Among Us (titolo del momento), la popolare deputata Alexandria Ocasio-Cortez (AOC), ha provato ad ispirare i giovani gamer a votare. Lo streaming ha raggiunto il picco di 439.000 visualizzazioni, rendendolo il terzo flusso singolo più visto nella storia di Twitch.

Tanti altri brand nel settore beauty, e non solo, hanno iniziato a sperimentare Twitch: MAC Cosmetics, Maybelline così come nel mondo automobilistico Porsche ha presentato la sua nuova auto elettrica.

Twitch è decisamente un’alternativa migliore a IG Live o TikTok Live, poiché l’interazione con il pubblico è limitata.

Quora
Quora è simile a Reddit in quanto è tutta una questione di conversazione, ma diversa in quanto c’è meno enfasi sulla comunità. La piattaforma funge da spazio in cui le persone possono porre domande e ottenere risposte. Delle tre piattaforme, Quora è probabilmente lo spazio migliore per i brand B2B. Hanno persino messo insieme una guida al marketing B2B sul loro sito aziendale.
Google si occupa di indicizzare pagine web che rispondono alle domande.
Quora è classificata al 345º posto nel traffico di tutti i siti negli Stati Uniti dalla società di metriche web Alexa, ed è classificato al numero 357 del sito più popolare al mondo.

Caso: Bajaj Finserv Limited
Bajaj Finserv Limited è una holding indiana che si occupa di prestiti, gestione patrimoniale e assicurazioni.
Spinto dalla sua missione di fornire costantemente soluzioni innovative nei suoi prodotti; Bajaj Finserv desiderava un aiuto per aumentare la visibilità online dei suoi principali prodotti.

La campagna progettata mirava a pubblicare contenuti relativi a prodotti in prestito su Quora, la popolare piattaforma Q&A che compare regolarmente nei risultati di ricerca di Google. L’idea era di “influenzare” i clienti per i prodotti di prestito che erano nella fase di ricerca e per porre domande correlate su Quora. 

Il progetto è stato avviato con la creazione di un nuovo profilo Quora denominato Arwind Sharma nell’ottobre del 2015 e di un secondo denominato Anamika Verma nell’ottobre del 2016. Originariamente, questi profili furono creati esclusivamente per acquisire backlink per la campagna SEO, ma a partire da agosto 2017 hanno cambiato il loro approccio.

Il profilo di Arwind Sharma è stato convertito in un esperto prestiti personali e Anamika Verma in un esperto di mutui e mutui per la casa, non direttamente associati al marchio.

Identificando le domande più postate hanno creato argomenti che potessero essere esaustive a questo tipo di quesiti in modo da influenzare gli utenti, promuovendo in modo labile il brand utilizzando l’esperienza diretta dei loro collaboratori, rendendoli autentici e affidabili.

Entrambi i profili dei collaboratori sono diventati “influencer” nei rispettivi domini. I profili, tramite i contenuti creati, hanno attirato enormi visualizzazioni tramite una condivisione della conoscenza autentica e di alta qualità. Le loro risposte hanno influito sulle decisioni di acquisto degli utenti sulla piattaforma e li hanno spinti a fare clic sul sito Web del marchio.

Le micro community per il successo delle tue campagne social
Come abbiamo potuto notare per dare visibilità e far crescere l’awareness del proprio brand non è indispensabile ricorrere alle social ads di casa Facebook. Esistono valide alternative che possano tenere alto l’engagement della propria audience in modo organico: si tratta delle micro-community.
La parola “Micro” è diventata rapidamente un macro argomento nel social media marketing.

Micro-influencer, micro-momenti, micro-contenuti e micro-community.
Sono segmenti del proprio pubblico più ampio che condividono valori, interessi, punti di vista o stili di vita simili. È un’immersione profonda nella psicografia che compone la comunità del brand e potrebbe essere la chiave per sbloccare l’amore esponenziale verso l’azienda e i prodotti.

I social sono un filo diretto con i consumatori, dove il feedback in tempo reale non è solo una possibilità, ma è prontamente fornito da fan entusiasti. Avvicinandosi al audience attuale si identificano le proprie micro-community e capire come si può fornire loro valore.

Inserire questo aspetto nella propria strategia di marketing come abbiamo visto nei casi sopra riportati può portare risultati inaspettati.

Total
3
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts